Stintino e zone limitrofe occupano la parte Nord – Ovest della Sardegna e sono una meta imperdibile per tutti gli amanti dell’isola, delle vacanze al mare e della natura.

Da Stintino si possono ammirare alcuni dei paesaggi più spettacolari del Mar Mediterraneo e passeggiare su alcune delle spiagge più belle al mondo. Ogni anno, migliaia di turistia arrivano fino alla penisola di Stintino per rilassarsi, godere del litorale di sabbia bianca, nuotare nel mare limpido ed esplorare la natura incontaminata che ancora circonda i paesini del territorio.

Questa destinazione è completamente diversa dalla più mondana Porto Cervo: la cittadina di Stintino è molto tranquilla, accogliente, silenziosa e non offre la sfrenata e lussuosa vita notturna tipica del lato orientale dell’isola sarda. Fino agli inizi del Novecento, il resto della penisola era completamente disabitato e solamente Stintino era stata fondata a causa di un intervento del Governo italiano che istituì una colonia penale nonché stazione di quarantena sanitaria sull’isola dell’Asinara, situata poco distante.

Le spiagge e le esperienze da vivere nel territorio di Stintino sono davvero tante e scegliere può risultare molto difficile soprattutto se si hanno a disposizione solamente pochi giorni di vacanza.

Di seguito vogliamo proporvi alcuni luoghi da visitare assolutamente per la loro bellezza naturalistica e la loro capacità di creare ricordi indimenticabili.

Spiaggia della Pelosa

La Pelosa è senza ombra di dubbio la spiaggia simbolo della penisola di Stintino ed anche la più rinomata. Questa parte di litorale è un vero paradiso con la sua sabbia bianchissima, fine e un’acqua cristallina. Dalla spiaggia si possono vedere chiaramente le isole di Piana e dell’Asinara, luoghi che rendono il panorama ancor più interessante e particolare.

La Pelosa è stata premiata più volte tra le spiagge migliori d’Italia e ha anche raggiunto il quarto posto in Europa oltre ad essere dotata della certificazione Bandiera Blu.

Questo luogo non ha nulla da invidiare alle spiagge dei tropici. La Pelosa è circondata da una fitta vegetazione tipica della macchia mediterranea che la protegge e la rende ancor più unica nel suo stile.

Il nome della spiaggia deriva dalla torre costruita sulla vicina isola della Pelosa nel Cinquecento dalla dinastia aragonese: ancora oggi può essere raggiunta a piedi, avendo cura di prestare attenzione quando si attraversa il guado naturale che vi conduce.

Cala Grande

La seconda destinazione che non può certamente mancare durante la vostra visita a Stintino è Cala Grande. Questa spiaggia presenta un panorama completamente diverso. Il suo litorale è roccioso, nascosto tra due costoni di roccia. Cala Grande è perfetta per tutti gli amanti delle immersioni e dello snorkeling che potranno nuotare per ore ammirando il fondale ricco di vita e sorprese da scoprire.

La natura di questa cala la rende meno frequentata anche durante l’alta stagione trasformandola nella scelta migliore anche per chi volesse passare una giornata tranquilla all’insegna del relax.